Margini: bene l’applicazione dei concetti provati in allenamento, male i 3 gol concessi in contropiede

Prima uscita ufficiale per il Reggio Emilia calcio a 5 e prima vittoria. In Coppa della Divisione, il trofeo voluto dalla Divisione calcio a 5 e vinto, nella prima edizione, dal Kaos Reggio Emilia, gli uomini di mister Margini vicino nella difficile trasferta di Sant’Agata Bolognese e accedono al secondo turno. Il trainer granata è soddisfatto della prova dei suoi:

 

“Abbiamo approcciato bene la gara e lo abbiamo fatto, a mio avviso, meglio di loro. Purtroppo non siamo riusciti a concretizzare il nostro dominio territoriale. Non abbiamo segnato quanto potevamo e loro ci hanno punito due volte. Siamo stati bravi a non disunirci e grazie a qualche correttivo siamo rientrati in partita. Quando, nel secondo tempo, sul più tre per noi sembrava avessimo in mano la partita abbiamo regalato tre contropiede clamorosi e la partita si è riaperta. Siamo stati bravi a portarla a casa ed a sacrificarci nel finale per vincere la partita”.

 

“Cosa mi è piaciuto e cosa non mi è piaciuto? Mi è piaciuta la capacità di mettere in campo le cose provate in allenamento, non mi è piaciuto il calo di concentrazione che ha permesso al Sant’Agata di segnarci tre gol quando eravamo padroni del campo. Dobbiamo imparare che le partite in serie B non sono mai finite, in un senso o nell’altro, vanno giocate fino all’ultimo secondo. Dobbiamo essere in grado di leggere le diverse situazioni che si creano all’interno della stessa partita, i ragazzi non devono essere dei soldatini che martellano per 40 minuti, ma devono leggere la gara”.

 

“Ruggiero? Per noi è una risorsa fondamentale in attacco sia per i gol sia per quello che crea. Per fare un salto di qualità però deve però mettere la stessa cattiveria anche in fase di non possesso”.

CONDIVIDI o STAMPA